Non si placano in Emilia Romagna le scosse di terremoto. Violente scosse hanno colpito la zona del Modenese e di Mantova. Oltre 16.500 le persone assistite tra Emilia Romagna, Lombardia e Veneto, ospitate presso i 44 campi di accoglienza, le 58 strutture al coperto tra scuole, palestre e caserme, vagoni letto offerti da Ferrovie dello Stato e Genio Ferrovieri e negli alberghi che hanno offerto la loro disponibilità grazie alla convenzione siglata con Federalberghi e Assohotel.

In questo scenario molti cuochi hanno accolto il nostro appello di solidarietà, dimostrando la loro disponibilità a supportare i terremotati, prestando le proprie mani e il proprio entusiasmo in questo momento di calamità.

Diversi i campi dove i cuochi Apci si stanno adoperando per dare un minimo sollievo a chi prova a convivere con la paura, sotto la supervisione generale della Protezione civile e degli organi deputati. Messaggio di solidarietà anche per diverse aziende del Food service che hanno offerto il loro contributo omaggiando derrate alimentari per i terremotati. Un grazie di cuore a tutti coloro che spontaneamente e umilmente si stanno mettendo in gioco adoperandosi per rendere questa tragedia quantomeno sopportabile.

Grazie a tutti gli chef che stanno operando nelle varie aree con umiltà e passione, senza pretese, e sempre con il sorriso tra cui: Devis Pasi, Alfonso Oliva, Antonio Bedini, Roberto Spinaci, Cinzia Pergolizzi, Gaetano Di Benedetto, Antonio Arfè, Ciro Scognamiglio, Antonello Riva, Donatella Rizzo e Vincenzo Guastamacchia…